Museo contadino… in ricostruzione

Per mantenere vive le tradizioni contadine, stiamo realizzando un piccolo museo di oggetti e attrezzi della tradizione rurale, bagaglio culturale di un popolo.

Sono già presenti oggetti facenti parte del “desinare contadino” come paioli di rame per la polenta, bollitori per l’acqua e il latte, contenitori graduati provenienti dalle latterie dismesse dell’area amiatina, conche o brocche (chiamate a seconda della provenienza), un macinacaffè, una caffettiera, un “prete” che serviva per scaldare le lenzuola, un ferro a carbone per stirare, fiaschi impagliati… il fiore all’occhiello? Una radio a cupola, datata 1921, scambiata dal mio bisnonno con un sacco di farina.

Nel “reparto” attrezzi sono presenti forche e forcelle di legno, cestini di paglia e vimini in varie fogge per gli usi comuni: raccolta castagne, funghi, erbe e prodotti per l’orto.

Nella piccola biblioteca libri di storia antica sui Romani, curiosità, oggettistica e una raccolta di riviste tematiche.

Il piccolo museo raccoglie oggetti e attrezzi dell’area del centro Italia…nel futuro vedremo di allargare i nostri orizzonti.